Senza Filtro A.I.P.M

 “Chi per mare va, sti pisci pò pigliĂ”
 “Who seals the sea, these fishes could take”

La fine del millennio

Tra lacrime ghiacciate dal dolore e parole che non hanno piĂą suono,
viviamo in questa inquietante calma apparente.
Con l’anima in riserbo, siamo scettici anche di “Noi”, e tra cacciatori, e tra cacciatori e prede invidiate siamo gli attori protagonisti della saga di fine secolo.
Massacri! Troppo sangue che bagna la terra. Dolore! troppi visi sfregiati da lacrime.
Profondo odio dell’umana megalomania! Narcotraffico in overdose!
Mondo cane! Uomo infame! Striscia verme sei nelle mie mani.
Egoista, falso, ed invidioso, e date il benvenuto al Sig. Dott. Eccellentissimo!
Benevolo, sincero, ed altruista, vi presento lo scemo del paese.
Mondo cane! Uomo infame! Verso il vuoto ti lasci andare.
Mondo cane! Uomo infame! Ti sbronzi d’odio senza mai vomitare.
Bambino? Sei un giocattolo da alterare! Donna? Sei un uomo senza palle!
Vecchio? Un rottame da scartare, e da far arrugginire in solitudine o in ospedale.
Bioalterazioni ed alluvioni, guerre “sante” e riti pagani. Mondo cane, uomo infame!
Striscia stronzo non sento implorare! Mondo cane, uomo infame! Ti sbronzi d’odio senza mai vomitare.
E politica, politica, bugie e compromessi, la seduzione e le rivelazioni, la borsa di stato e il buco d’ozono, la clonazione e l’acetone, le spie e i pedofili e “cosa nostra”.
Mondo cane! Uomo infame! Ti sbronzi d’odio senza mai vomitare.