Senza Filtro A.I.P.M

 “Quanno 'o riavolo t'accarezza, vo' l'anima”
 “When the devil caress you, he wants your soul”

Racconti

Delirio

|

I think I’m paranaoid. Mi guardo sorpreso allo specchio. Mi si presenta un viso irritante, un viso di quelli che ti fanno girare i neuroni nella sfera della violenza. Che faccia di cazzo!!! I think I’m paranoid. Gli occhi rotolano sulle pareti di questa stanza, sempre uguale, sempre la stessa: fotografie di bellocci sparsi sulla […]

L’ultima alba

|

Intuii subito che qualcosa non andava. L’immagine era piacevole e la lasciai scorrere tranquillamente, mancavano solo gli asini con le ali che mi salutavano e andavano a tuffarsi a mare per rendere tutto ancora più assurdo. Il ricordo del sogno e quel bacio sfiorato li sentivo ancora a fior di pelle, mi avevano fregato così […]

Un amore distaccato che si riattacca (miniromanzo)

|

“Qualche sera di queste cede il letto…” EP Negli Stati Uniti viveva una ragazza di nome Luis. Tutti i giorni andava nel prato. Ma un giorno conobbe un ragazzo di nome Ciarly e si innamorò di lui e lui di lei e il giorno dopo si fidanzarono. Ogni giorno quando correva sui prati e Ciarly […]

Cronaca di un giorno di viaggio

|

“Mia figlia non mi ha invitato al suo matrimonio. Hai capito? Non ha invitato me. Suo padre!!” Il treno squarciava gli atomi dell’aria fresca d’inizio inverno attraversando paesaggi noti e ben impressi nella mia memoria di neurolabile studente fuorisede. La corrente elettrica fluiva inesorabile nei cavi dell’alimentazione elettrica fino al locomotore che trascinava ad alta […]

Novembre 1898

|

ovvero: Memorie iperboliche di un viaggiatore “Pur nondimeno ridevano, allegri a modo nostro, da isterici” Edgar Allan Poe Ho l’impressione che questo viaggio sia durato troppo, o quantomeno ritengo che il tragitto compiuto, ignoto in buona parte pure al cocchiere che a tratti mi osserva indispettito, abbia scavato dentro di me un senso di inanità […]

NATALE BUIO/LUCE

|

E’ Natale e si sente. Lo sento nell’aria, lo sento nel cuore. La neve si appoggia con delicatezza sulle spalle della folla che si accalca intorno alle vetrine, investita dalla luce dei negozi e da quella delle decorazioni stradali. La nuvoletta del mio respiro mi precede sulla strada di casa mentre la percorro con quel […]

A streetcar named desire

|

La neve che cade è evidentemente artificiale. Non quella fredda, eiaculata dai cannoni (mettete dei fiori nei vostri cannoni, o dell’erba cipollina, o dei cristalli di ghiaccio, sali minerali, diamanti, parti umane di seconda mano, tappetini per auto) delle piste da sci, ma quella, ancora peggiore, dall’aspetto schiumoso, e ributtante dei set pubblicitari. La mia […]

Racconto di un incubo d’inverno

|

Sabato 30 gennaio ’99 ore 0.09 E’ una di quelle sere da dimenticare, degli amici nemmeno la traccia, la ragazza era indisposta, fuori piove a dirotto, perfino il Dio del sonno sembra avermi abbandonato, l’unica alternativa per ingannare la notte è sempre lei, l’unica amica fedele e ineguagliabile. Mi alzo, la cerco, ma di lei […]

Cronaca!?!

|

Ore 02:00 del mattino, notte qualunque, seduto al bancone di un pub. Guardavo il fondo di bottiglia della mia quinta birra; pensiero: “Cazzo, che vita merdosa”. Ore 02:05, stessa notte qualunque, sempre seduto al bancone dello stesso pub. Guardavo quasi negli occhi la sesta bottiglia di birra della serata; pensiero: “Che vita di merda, cazzo!”.